martedì 22 luglio 2008

Bulgaria in Europa, e si vede...












Rapido aumento del costo della vita
Sono venuto in Bulgaria con il precipuo intento di trascorrere qui il resto della mia vecchiaia. Qui mi trovo bene. Senza dover fare paragoni con l'Italia posso affermare che e' un bel paese. Nelle strutture e nei servizi e' ancora molto lontano dalla media europea, ma a me - sinceramente - questi problemi interessano poco. Non dimentichiamoci che e' partito da sotto zero. Il mio desiderio era di vivere tranquillo, ed e' questa la condizione in cui mi trovo, pur dovendo affrontare i problemi quotidiani della vita cui tutti siamo costretti. Mille euro di pensione mi danno la possibilita' di vivere decorosamente.
Spero di non dovermi smentire un giorno, ma qui sento intorno a me persone piu' tranquille, serene, sempre sorridenti, alle quali forse non e' ancora arrivato il malessere da stress che affligge paesi come il nostro.
Pur avendo subito, negli ultimi due anni, aumenti che vanno dal 20 al 30 per cento, paragonando i prezzi con l'Italia, i costi sono molto bassi, e non potrebbe essere diversamente, visti i salari. Qui lo stipendio mensile minimo e' 220 leva (110 euro), il massimo non lo conosco, ma la media dovrebbe aggirarsi sui 200-250 euro. Non c'e'molto da ridere, pur avendo la quasi totalita' la casa e tantissimi anche l'orto. Tuttavia caffe' e ristoranti sono sempre pieni. E' un rebus per me qui in Bulgaria cosi' come lo era in Italia: tutti stanno male ma i ristoratori fanno sempre affari. La benzina costa oggi 1,22 euro al litro, il diesel 1,32 e il gas gpl 0,62: prezzi che si avvicinano molto all'Italia, e in giro non si vedono piu' tante auto.
Anche qui, dunque, si comincia a soffrire il mal d'Europa? Sono ignorante di problemi economici e non trovo una risposta. Mi auguro che la Bulgaria sappia trarre vantaggio dagli effetti benefici del suo ingresso nella Comunita' Europea, emarginando le negativita' della globalizzazione.
Per chi, come me, decidesse di trasferirsi in Bulgaria, elenco di seguito i prezzi di molti prodotti di largo consumo in una cittadina di 70 mila abitanti. Anche qui la Cina impazza, per cui i prodotti cinesi bisogna considerarli nei prezzi e nella qualita' per quello che offrono. Tanti prodotti sono importati anche da paesi ex comunisti a buon prezzo e buona qualita'.
I prezzi odierni
Oggi sono andato al mercato e in un supermercato per rilevare alcuni prezzi. La frutta e le verdure al supermercato costano di piu' per cui e' consigliabile recarsi direttamente al mercato dove c'e' anche la possibilita' di poter scegliere i prodotti per qualita' e costo. I prezzi li ho convertiti direttamente in euro per chilogrammo.
Li elenco in ordine sparso: latte 0,60-0,80, acqua minerale da lt. 1,50 0,28-0,38, pomodori da 0,30 a 1 euro, patate da 0,15 a 0,31, cetrioli (che qui usano moltisssimo nelle insalate e sono piu' buoni dei nostri) da 0,30 a 0,60, cipolla 0,35, peperoni da 0,50 a 1 euro, mele 0,75-1,50, pesche 0,80-1, fragoline di bosco 2,55, carote 0,72, melanzane 0,90, fagioli corallo verdi e gialli 0,80-1, melone 0,60, albicocche 0,70, anguria 0,26, pere 1,12, prugne 0,70, limoni 2,13, banane 1, funghi champignon 2-2,5, cetriolini da conservare per l'inverno 0,50, verza 0,15-0,25, fagioli secchi 1,80-2, uova 0,12 l'uno, olio di girasole 1,63-2,27 (l'olio d'oliva c'e' ma costa di piu' e varia il costo dal paese importatore, quello italiano e' il piu' caro), zucchero 0,76, farina 0,60, pollo 2,03, salsicce 3,70, feta (specialita' bulgara molto usata e buonissima) 2,55, ottimi pomodori pelati in barattolo da 800 gr. 0,75, sale 0,15-035, macinato di vitello o maiale 3,80-3,10, vitello 6,30-13,70, maiale 3,80-5,40, birra da 2 lt. 1,30, birra da 0.50 lt. 0,35-0,60, sprite fanta e coca cola da 2 lt. 1,05, un piede di lattuga 0,25, pane 0,50-0,60, caffe' brasilia da 200 gr. 1,03, una pannocchia di mais 0,15, spinaci 0,55, pasta da 0,78 quella greca a 1,10 Di Vella e 1,20 Barilla da 500 gr.
Non abbondano l'insalata e la verdura. Al mercato si trovano al massimo due-tre tipi di insalata e gli spinaci, altre verdure niente. Abbondano invece verza e porro.
Ho trovato al mercato le pannocchie di mais. Senza pensare ai pop-corn, avete mai provato a lessare una pannocchia di mais e poi sgranocchiarla mettendovi sopra un po' di sale? provate, se la trovate, e' una cosa deliziosa! Le vendono anche in strada gia' lessate al costo di 50 centesimi.
Il pane e' buono ma niente a che vedere con i nostri 400 e passa tipi diversi. Qui si trovano al massimo tre-quattro tipi. Spaghetti e pasta in genere vengono usati e troviamo pure alcuni prodotti italiani, ma non possiamo pretendere che ne facciano l'uso che ne facciamo noi e tanto meno le nostre specialita'.
Il caffe' italiano, in barattolo o pacchetto si trova agli stessi prezzi che in Italia. Un caffe' discreto per casa e' il brasilia al prezzo descritto. Al bar o in qualsiasi altro locale si puo' prendere un caffe' al tavolo (qui non esiste il caffe' al volo al bancone) con una somma che va da 0,25 a 0,50 euro. L'espresso e il caffe' italiano troneggia su tutte le pubblicita', ma i bulgari lo fanno all'americana a mo' di bevanda e per averlo ristretto bisogna raccomandarsi "espressamente".
Un buon pranzo al ristorante si puo' fare con una somma che va da 6 a 10 euro a persona, secondo le portate e la quantita'.
Gelati e dolci in genere costano poco (rapportati sempre ai prezzi dell'Italia).
Se non si e' al mare si puo' mangiare pesce surgelato o pesce di fiume o lago. La carne imperante e' il maiale e il pollo, manzo o vitello se ne consuma pochissimo.
Pur essendovi un'enorme quantita' di funghi porcini e altre varieta', al mercato si trovano solo champignons. Per il 90 per cento vengono esportati sia freschi che secchi. L'anno scorso sono riuscito a trovarli a 5,50 euro al chilo e surgelandoli li ho potuto degustare fino all'inverno. Sono ansioso di sapere quanto costeranno quest'anno.
L'affitto di un appartamento varia dal posto, dalla metratura e dalla struttura, ma penso di non essere lontano dalla realta' dicendo che potrebbe costare da 100 a 300 euro. Sofia naturalmente e' in testa.
E' tutto sulla Bulgaria? Naturalmente no. In parte l'ho descritta precedentemente, con il tempo continuero' a parlarne e scoprire ancora tante cose di questo meraviglioso paese che mi ospita.

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

2 commenti:

  1. adolfo gattini7 febbraio 2009 14:35

    Entro una diecina di giorni farò rientro in Italia, partendo dall'Ucraina dove attualmente mi trovo, cercherò di transitare per la Bulgaria per verificare se ci sono le condizioni per trasferirmi in questo paese. Non riesco piu' a sopportare quella pletora di delinquenti che gestiscono il Governo Italiano e non ho l'età nè il tempo di combatterli, quindi anche per motivi di salute, preferisco trasferirmi altrove. Pertanto rimarrò in Italia il tempo necessario per mettere a posto i miei affari di famiglia e darò tutti i mandati possibili a miei avvocati per contestare ogni lesione dei miei diritti costituzionali che i delinquenti di cui sopra,hanno provocato. Se la Bulgaria risulterà essere amena e tranquilla; metterò in pratica le mie intenzioni. F.to Adolfo GATTINI (Geometra-Consulente del lavoro) Kopychyntsy: 07 Febbraio 2009

    RispondiElimina
  2. ma dico, tanti vantaggi virtù ok,consideriamola pure terra promessa, anzi ho sentito dei prezzi per farsi una casetta a dir poco,incredibili. Ma il clima è tremendo ! D Estate si schiatta di caldo per l umidità, d Inverno si schiatta di freddo e tanta neve.

    RispondiElimina